Pubblicato il 26 ottobre 2018

Sette artisti per Paratissima/5

Categoria: FIERE D'ARTE

Sergio Palato

 

Vi presentiamo, uno per uno, i sette artisti che parteciperanno con noi a questa quattordicesima edizione di Paratissima.

La sede, dallo scorso anno, è la ex caserma La Marmora in via Asti 22. Una location bella e suggestiva: il padiglione G@P è quello dedicato alle gallerie d’arte e noi saremo lì con uno stand di 36 mq.

Sergio Palato FORATOCONTEMPORANEO

La ricerca dell’equilibrio perfetto nelle forme. Un cammino iniziato da Sergio Palato più di 10 anni fa.
La sua è un’indole naturalmente attratta dalla semplicità estrema delle linee e dal minimalismo.
Pulizia e rigore dell’immagine guidano spontaneamente il suo gesto creativo che opera una vera sottrazione di materia creando un gioco di pieni e di vuoti, un dialogo tra luce e ombra che intriga lo sguardo di chi osserva invitandolo a indagare, a intuire un interno, una dimensione che esiste ma non è del tutto tangibile. Si nasconde e si svela appunto attravero la luce e i movimenti di chi sta intorno.

Affascinato dallo Spazialismo di Fontana e dall’Arte Programmata degli anni Sessanta, Palato comincia a creare le sue prime opere partendo dalla forma circolare, “dall’unione di cerchi, sinonimo di perfezione ed equilibrio…e di spigoli, segno di rottura e di cambiamento”.

Fondamentale “l’incontro” con alcuni artisti il cui linguaggio, per Sergio Palato, è davvero in grado di racchiudere bellezza e assoluta perfezione di forma e di contenuto. Uno squarcio, un’apertura, replicata e ripetuta; la monocromia; la ruvida superficie che pare immersa, inghiottita dal colore per poi emergere intatta e perfetta.

 

Una riduzione ai minimi termini e un azzeramento di qualsiasi altra forma o segno che però contiene il tutto.
Equilibrio, sostanza, bellezza. 
Le sue tele increspate, forate, sovrapposte, attraggono e incuriosiscono, pare nascondano qualcosa.
Invogliano al contatto. Come se allungare la mano e sfiorare quelle forme morbide o spigolose, opache o lucenti sveli qualcosa in più di ciò che luci e ombre ci raccontano.

 

Gallery