a sud del confine a ovest del sole – godot

5 ottobre - 1 novembre 2016

La galleria Evvivanoè espone per la prima volta i lavori ultimi di godot.

Si tratta di immagini che lasciano libero lo spettatore e si lasciano guardare e interpretare. Volutamente senza titolo, i soggetti si mettono a disposizione dell’osservatore senza costrizioni nè definizioni.

“La superficie nitida e i contorni puri e definiti degli oggetti non bastano a svelarci qualcosa in più.. Sembra insegnarci questo, godot.

Con il suo punto di vista chiaro, le inquadrature ampie, pare dire tutto e nello stesso tempo negarlo. Come se la limpidezza di un’ immagine non volesse necessariamente raccontarci la verità  ma lasciarci attoniti a volerne scoprire il vero significato. Oppure a convincerci che non c’è altro, dietro alla pura e semplice realtà oggettiva.

Sono proprio gli oggetti inanimati ma quotidiani e familiari, come un filo elettrico su una parete, un mucchio di bambole, un cartello stradale solitario che divengono “altro”attraverso l’occhio di godot.

Sono muti interpreti di una storia breve, una qualsiasi storia, quella che vorremmo ascoltare o che ci piacerebbe inventare.”