Francesco Romoli

Testo critico

di Emanuele Bussolino

Il paesaggio ritorna anche nei lavori di Francesco Romoli (Pisa, 1977): l’artista toscano immagina un mondo nettamente diviso in due. La serie “Bi-polar” presenta famose architetture con le quali tutti noi abbiamo familiarità (anche solo per averle viste in cartolina o su qualche rivista di viaggi). Al di sotto di esse, però, nelle loro viscere, strutture oniriche compaiono inaspettate a creare un gioco dei doppi. L’universo di Romoli si regge sulla contrapposizione, tra bene e male, Paradiso e Inferno, realtà e finzione, etereo e carnale.

Biografia

Francesco Romoli é nato a Pisa nel 1977. Da sempre interessato alle forme espressive di qualsiasi tipo all'età di 14 anni ha cominciato a studiare chitarra e storia della musica.
Si innamora del computer nel 1998 e comincia a esercitarsi nell'hacking e nella net-art.
Nel 2004 si laurea a Pisa in Informatica e nel 2010 comincia a usare Photoshop per le sue creazioni a metà strada tra il graphic design e la fotografia. Nel 2012 inizia a studiare presso il centro per la fotografia contemporanea “Fondazione Studio Marangoni” a Firenze.
Sue grandi passioni sono anche lo skydiving e il viaggio.